Crea sito

Pepito: il cane ricoperto di feci che stava sempre a spasso

Un cane di Meta oggi ha fatto il giro del web facendo totalizzare più di quattrocento mi piace ad un post con allegata una sua foto. L’animale, quasi sempre in giro per le strade della cittadina privo di custodia e senza guinzaglio è tornato dal padrone ricoperto di feci umane. C’era scritto questo nel post più in tendenza oggi a Meta. Nei commenti il colpevole è stato definito “vergognoso”, “vigliacco”, “stronzo”, “criminale”, “idiota”, “maiale” e così via. Tutto esatto probabilmente. Ma non è corretto lasciare un cane incustodito per strada, con la possibilità che causi incidenti e abbandoni i propri bisogni senza che nessuno li possa raccogliere: ecco probabilmente perché qualche squilibrato ha fatto tutto ciò.

Per quanto sia da condannare il gesto del pazzoide molto poco attivo e che non ha null’altro da fare tranne che conservare i propri escrementi per riversali su un animale, è altrettanto scorretto lasciare il proprio cane per strada senza qualcuno che lo controlli. Sia eticamente che da un punto di vista legislativo: si configura, infatti, in queste circostanze, il reato di omessa custodia, previsto dal codice penale all’articolo 672 comma 1. Che recita: “Chiunque lascia liberi, o non custodisce con le debite cautele, animali pericolosi da lui posseduti, o ne affida la custodia a persona inesperta, è punito con la sanzione amministrativa da euro 25 a euro 258” e viene completato dalla norma dell’articolo 2052 del codice civile in materia di responsabilità extracontrattuale: “Il proprietario di un animale o chi se ne serve per il tempo in cui lo ha in uso, è responsabile dei danni cagionati dall’animale, sia che fosse sotto la sua custodia, sia che fosse smarrito o fuggito, salvo che provi il caso fortuito.”

Paolo Balzano

Amministratore del blog MetaReporter dal 2014. Ho conseguito il diploma presso il Liceo Classico Publio Virgilio Marone di Meta nel 2017. Attualmente sono uno studente di Scienze Politiche presso l’università di Napoli Federico II e gestisco un affittacamere.